FRANCO PICCINELLI

Salvador DALÌ giovane Franco Piccinelli è uno dei maggiori narratori di memoria collettiva e di epica contadina.
Ha vinto due volte il Premio Selezione Bancarella (1999-2001), ha ottenuto i Premi Fregene, Mediterraneo, Pavese, Caserta, Gozzano, Ischia, è stato finalista al Viareggio. È tradotto in inglese, francese, tedesco. Alcuni dei suoi romanzi, adattati al teatro, vengono rappresentati anche all'estero.
Conferenziere, ha tenuto lezioni in vari Atenei d'Italia e degli Stati Uniti, è insignito di varie onorificenze fra cui quella massima al merito della Repubblica. È laureato in Giurisprudenza ed è Presidente della Federazione Italiana Pallapugno, secondo la nuova denominazione dell'antichissimo sport del pallone elastico.
Nato a Neive in provincia di Cuneo, dove torna spesso, vive stabilmente a Roma dove ha percorso in RAI tutta la carriera giornalistica dopo aver diretto (1965-1968) il quotidiano di Ancona "Voce Adriatica".
In Rai è titolare di rubriche radiofoniche, è opinionista della Gazzetta del Sud di Messina, collabora a La Stampa di Torino e a varie riviste a diffusione nazionale. Nel 1979, quando dirigeva la Redazione giornalistica Rai di Torino, fu gravemente ferito in un agguato tesogli dalle Brigate Rosse. Centinaia i suoi servizi televisivi sulla vita e le tradizioni della provincia italiana.

Nella narrativa ha esordito nel 1961 con Le colline splendono al buio. Sono seguiti trentadue titoli editi fra cui ventotto romanzi.
Ricordiamo la ormai classica trilogia, citata in antologie e in alcune Storie della Letteratura, Suonerà una scelta orchestra, Bella non piangere, Paura a mezzogiorno. Quindi Tersilio Manera contadino, I giorni del patriarca, Incontro a Torino, Fino all'ultimo filare, La grande casa, Un amore italiano, Tre civette sul comò, C'era una volta il treno, C'era una volta l'Italia, Italia addio, Viaggio nell'aldilà, Domenica d'ottobre, La sfida, Gli avvoltoi, La pioggia del diavolo, L'ultimo appello (1998), Lettere dalle Langhe (1997), Dialoghi dei Carabinieri con delitto (1999), Una partita stregata, La collina dell'addio (2001) e Con le radici al vento (2002).


(da www.priuliverlucca.it)